martedì 18 febbraio 2014

PANE AL BURRO CON SEMI DI PAPAVERO E FICHI SECCHI


Per la serie "diamo un senso a tutti i libri di cucina che occupano completamente la libreria del soggiorno" qualche giorno fa  ho sperimentato una ricetta tratta dal libro di Sara Papa "Tutta la bontà del pane".
Così come è facile comprendere dalle foto il risultato è stato davvero soddisfacente: ne è venuto fuori un pan brioche morbido e profumato, arricchito da un ripieno intrigante e singolare...
Nessun appunto da fare, nè variazione al procedimento indicato dall'autrice, per cui riporto fedelmente la ricetta.



           PANE AL BURRO CON SEMI DI PAPAVERO E FICHI SECCHI       -      RICETTA 
                                             da "Tutta la bontà del pane" di Sara Papa

                                                                  Ingredienti:  
                                                                 Per la pasta:
                                                            400 gr di farina 00
                                                          10 gr di lievito di birra
                                                                100 gr di latte
                                                            1 cucchiaino di miele
                                                                      3 uova
                                                                 80 gr di burro
                                                                   5 gr di sale
                                                                     1 tuorlo
                                                          olio extravergine d'oliva
                                                                 Per il ripieno:
                                                       120 gr di semi di papavero
                                                          250 gr di fichi secchi 
                                                      3 cucchiai di miele di fiori d'arancio
                                                           la scorza di una arancia
                                                       85 gr di Passito di Pantelleria

                                                                 Procedimento:
Preparare il lievitino: scioglere il lievito con il latte tiepido e fare un impasto morbido con 130 gr di farina; lasciar lievitare coperto con un canovaccio per circa 30 minuti.
Nel frattempo mettere i fichi tagliati a pezzetti ad ammorbidire nel passito, in modo che lo assorbano completamente.
Mettere i semi di papavero in una ciotola,coprirli di acqua bollente e farli riposare per 5 minuti, poi scolarli.
Trasferirli in un pentolino sul fuoco, aggiungere il miele e portare ad ebollizione: far cuocere almeno per 5 minuti.
Togliere dal fuoco e far raffreddare. Unire ai semi ormai freddi i fichi e la scorza grattugiata dell'arancia e amalgamare bene.
Sul piano di lavoro formare una fontana con la farina restante, mettere al centro le uova intere, il miele, il burro morbidissimo ed il sale, e aggiungere anche il lievitino.
Impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo e morbido. Se l'impasto risultasse troppo secco aggiungere un altro po' di latte, viceversa utilizzare altra farina se risultasse troppo appiccicoso.
Porre l'impasto in una ciotola leggermente unta di olio, coprire bene con la pellicola e lasciar lievitare fino al raddoppio del volume.
Rovesciare la pasta ormai lievitata su un piano infarinato e stenderla a formare un rettangolo.
Spalmare il ripieno su tutta la pasta, arrotolarla e spennellare con acqua la linea di giuntura per farla saldare bene.
Porre il rotolo così ottenuto su una teglia rivestita di carta forno, con la giuntura rivolta verso il basso, e far lievitare per 15 minuti.
Spennellare con il tuorlo diluito con un po' di latte e leggermente salato.
Cuocere in forno già caldo a 180° per 30/35 minuti.



                                                                            N.B.
E' possibile congelare il rotolo già tagliato in fettine monoporzione: si mantiene benissimo ed è sufficiente scaldarlo appena dopo averlo scongelato per ritrovarne  morbidezza e  fragranza ...




        

6 commenti:

  1. Buonooo!! l ho provato tempo fa e dv dire che è delizioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo almeno in due a pensarla così allora....!!!

      Elimina
  2. Premetto che non amo i fichi secchi ma trovo delizioso questo pane da colazione, così soffice... a casa mia non arriverebbe alla colazione #2!!
    Sei sempre eccezionale!
    Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece amo tantissimo i fichi, che siano freschi o secchi non importa!! Puoi sostituirli nel ripieno, magari con dell'uvetta (sempre ammollata nel passito).
      Grazie per i tanti complimenti, sono arrossita!!

      Elimina